Insieme per la cura di luoghi e persone, grazie ai Custodi del Bello. Il progetto dedicato al reinserimento sociale e al decoro urbano.

Hai voglia di tornare a vivere una città ancora più bella?
Ti danno fastidio gli edifici imbrattati?
Ami il decoro e ti piace che la tua città oltre che bella sia decorosa e vivibile?

Che cosa è
La rigenerazione di uno spazio pubblico (o privato condiviso) che ha perduto nel tempo il proprio ‘significato’ a causa dell’abbandono, creando un vuoto urbano, contribuisce a rigenerare la città a cui appartiene migliorando nel complesso le condizioni di vivibilità e sostenibilità. Riscoprire luoghi nascosti è stupendo, lo è ancora di più farli rivivere. Il Bello è ovunque basta solo trovarlo e saperlo valorizzare.
Tale attività può essere svolta solo e soltanto grazie al Protocollo d’intesa con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e PratoLa fiducia conquistata nei confronti della Soprintendenza, che ha già rinnovato per ben quattro volte (otto anni) il protocollo è motivo di orgoglio per noi.
L’attività è svolta da personale qualificato e incaricato dalla Fondazione Angeli del Bello con la supervisione di restauratori e si riesce ad intervenire sulle più svariate tipologie di supporto (marmo, pietra, intonaco, legno, ferro…). Su scritte vandaliche e tags, nonché sulle affissioni abusive,

Benefici

    1. Restituire alla Città intere aree rigenerate sia dal punto di vista architettonico che cultura-sociale

    1. Promuovere un maggior rispetto verso il patrimonio storico-artistico

    1. Aumentare nella comunità il senso di appartenenza alla propria città

Testimonianza
“Da quando gli Angeli del Bello esistono, ho notato un’accresciuta attenzione alla tutela dei beni culturali. Perché la città va preservata e riconsegnata migliorata” (Chiara, studentessa di architettura)
“Prendersi cura a 360° di un’area, curare i dettagli e far partecipare alla rigenerazione tutti i operatori di interesse della zona è davvero vincente, grazie!”
“La cura della città: un obiettivo che fa bene a noi, fa bene a Firenze, ma fa bene soprattutto al turismo!” (Destination Florence Convention & Visitors Bureau)

 

Soggetti coinvolti: enti, istituzioni, organizzazioni, esercenti, residenti, aziende e organizzazioni che desiderano sostenere il progetto, che hanno interesse al luogo e ne hanno a cuore la riqualificazione.

Progetto integrato e olistico: la rigenerazione considera contemporaneamente aspetti architettonici, tecnici, ambientali, culturali, sociali ed economici, gestendo tutti questi aspetti con coerenza e competenza.

Partecipazione: il coinvolgimento dei partner nella fase progettuale stimola un senso di appartenenza, con positive conseguenze nella fase di controllo-gestione-monitoraggio successiva agli interventi.

Interventi «sostenibili»: sono state realizzate soluzioni innovative e di successo nell’ambito della rigenerazione urbana, capaci di stimolare l’interesse, ottenendo così l’attenzione dei media.

 

Partner tecnici:

  • Ufficio Unesco del Comune di Firenze
  • El.En S.p.A. (collaborazione pro bono)

 

Abbiamo operato in:

  • 2015 riqualificazione Piazzetta dei Tre Re Firenze
  • 2016 rigenerazione culturale e ricreativa Piazzetta dei Tre Re
  • 2016 riqualificazione Piazza San Simone e inaugurazione di prototipi di arredo urbano
  • 2017 e 2018 riqualificazione Piazza dei Cavallari e Piazza del Giglio
  • 2019 iniziato Ponte Vecchio, un progetto molto ambizioso che ha avuto delle battute di arresto e che verrà ripreso in futuro vista la sua complessità e le difficoltà riscontrate nel reperimento delle risorse necessarie
  • 2020 rigenerazione Vicolo della Vergogna-tutta la zona Casa di Dante. Casa del Bello per Firenze-Porta San Frediano
  • 2021 Via de’ Pandolfini, Bandoni ad Arte e Edicole di tutto il Centro Storico
  • 2022 Ponte alle Grazie e Quartiere di San Lorenzo